Chitarra semiacustica D’Angelico New Yorker

Share
d'angelico chitarra semiacusticaJohn D’Angelico cominciò riparando strumenti a New York negli anni trenta, finendo per progettare e produrre alcune delle chitarre semiacustiche più apprezzate dai chitarristi jazz. Il modello di punta della sua produzione era curatissimo in ogni dettaglio, tanto da diventare una delle chitarre più belle del mondo: la New Yorker.

 

Le chitarre artigianali costruite da D’Angelico furono molte, si parla di circa 1100 esemplari lungo la sua carriera. Si tratta principalmente di modelli arch-top, cioè di quelle che vengono comunemente definite semiacustiche, tutte molto pregiate e con un design personale, che venne alla luce a fine degli anni trenta proprio con il modello New Yorker. Si trattava di una chitarra studiata sulla serie arch-top della Gibson, soprattutto la L-5, che era il riferimento per chi produceva chitarre semiacustiche in quegli anni.

La New Yorker fu quasi una risposta al modello di punta della Gibson di quegli anni, la Super 400, entrambe avevano infatti l’incatenatura incrociata e segna tasti di pregio. Il modello di D’Angelico esibiva eleganti filettature e dettagli unici, come la bella cordiera col disegno scalato e una vistosa doratura. Le decorazioni ad intarsio e i particolari così curati hanno reso la semiacustica New Yorker una delle chitarre più belle al mondo, apprezzata da quotati chitarristi dell’epoca, quali F. Green e B. Pizzarelli.

Scarica gratis
“HORSE RACING”

(spartito per chitarra sola)

 

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share