Lezione di chitarra: leggere la tablatura

Share
L'intavolatura: pregi e difetti

Prime battute dell’intavolatura della Toccata Prima dal Libro primo d’intavolatura di chitarone di Kapsberger (le lettere HK stanno per Hieronymus Kapsberger)

Grazie alla loro immediatezza, scorrendo tra le pagine di internet ne troviamo a migliaia: sono le “tablature”, che i chitarristi hanno utilizzato da sempre. L’intavolatura (in inglese tablature o più semplicemente “tab”) è un sistema di notazione musicale utilizzato per gli strumenti a corda, primo tra tutti la chitarra. E’ molto più antico di quel che forse pensate, perché era usato già con il liuto nel medioevo ed è giunto fino a noi con alcune piccole varianti.

Come leggere la tablatura: l’intavolatura consiste in sei righe orizzontali che rappresentano le sei corde della chitarra. La riga più in alto nel foglio è la prima corda (MI cantino), la seconda dall’alto rappresenta la corda del SI a vuoto, la terza il SOL e si continua così con il RE il LA e il MI grave (sesta corda della chitarra). Sulle righe sono riportati dei numeri che indicano la posizione della nota da premere, cioè il tasto in corrispondenza della corda. E’ una specie di sistema a coordinate X e Y.

Limiti dell’intavolatura: si tratta certamente di un metodo comodo per imparare alcune sequenze di chitarra, ma non è privo di difetti. Intanto manca l’indicazione ritmica (che invece era presente nelle intavolature medievali) e poi un’altra cosa che non viene indicata è la diteggiatura.

La posizione della nota sulla tastiera non è l’unica cosa da sapere, per certi passaggi più impegnativi e per avere un effetto musicale migliore, le dita della mano sinistra da utilizzare sono altrettanto importanti. Per ovviare a questo problema spesso si riporta la notazione standard in chiave di violino sopra e l’intavolatura sotto, ma in questo modo le dimensioni degli spartiti aumentano di molto.

Altro effetto secondario della tablatura è un “rallentamento” nella lettura della notazione standard, a causa della scarsa pratica data dalla comodità del suo utilizzo. Non dimentichiamo infatti che mentre la notazione classica è utilizzata da tutti gli strumenti (cioè è universale) l’intavolatura non permette un buon dialogo con gli altri. Ad esempio non potrete usare la vostra parte intavolata per spiegare velocemente cosa suonare al tastierista che vi accompagna. Oppure non potrete scrivere un arrangiamento completo solo con l’intavolatura.

Comunque ciò non toglie che per alcuni passaggi facili e per persone dotate di un buon orecchio ritmico con la tablatura si possano ottenere già discreti obiettivi.

 

Esempio di intavolatura

 

by Wenz
Chitarrista, Comunicatore

 

Conosci meglio la chitarra con
“AVVICINARSI ALLA CHITARRA”
e-book con articoli e lezioni
per scoprire lo strumento più diffuso al mondo
scaricalo adesso gratis!

 

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share