Chitarra classica secondo grado: Valzer op. 121 n° 1 (F. Carulli)

Share
Chitarra classica secondo grado: Valzer op. 121 n° 1 (F. Carulli)Il nuovo modello scolastico musicale prevede alcuni livelli di studio prima dell’accesso all’Alta Formazione Universitaria.  Tali livelli sono regolati da un sistema di equivalenze didattiche che ne sancisce i parametri per tutta l’Europa: in genere si tratta di otto gradi. Ho già fatto un esempio di chitarra classica primo livello con il brano Greensleves. Vediamo ora la chitarra classica secondo livello.

Il secondo livello di chitarra classica prevede tonalità e brani più complessi. Soprattutto cambia la loro durata e l’interpretazione che deve essere più impegnativa ed accurata, con un varietà maggiore di dinamiche.

Un autore consigliato per questo grado è sicuramente Ferdinando Carulli, chitarrista virtuoso e compositore italiano vissuto in epoca classica tra il settecento e l’ottocento. E’ autore di un metodo per chitarra classica che è ancora molto utilizzato, stampato da numerose case editrici, con una grande varietà di studi ed esercizi ben organizzati. I suoi brani sono piacevoli in genere, alcune volte pregevoli composizioni, altre un po’ più banali, probabilmente per accontentare il gusto musicale dell’’epoca.

Ad esempio il “Valzer n° 1” è uno studio di Carulli molto interessante, è contenuto nell’opera 121 dal titolo “22 pezzettini”. Come il titolo fa presagire, si tratta di composizioni brevi, ma per l’allievo non lo sono perché per questo valzer si sorpassano i due minuti, e per un ragazzo di dodici o tredici anni sono abbastanza.

La tonalità è DO maggiore, quindi semplice ma meno di LAm, giacché le corde al basso libere sono in numero minore. La figurazione della mano destra prevede un arpeggio ritmicamente regolare, nel quale bisogna accentare le due note più acute che costituiscono la melodia. L’andamento a valzer richiede un accento forte sul primo movimento, e un alleggerimento progressivo sugli altri due della battuta, e questo è ottenuto dalla presenza del basso sempre all’inizio della misura. Importante sarà mantenere la velocità dell’arpeggio regolare e curare la giusta espressività dinamica, quest’ultima necessaria per differenziare le ripetizioni delle frasi uguali (eco).

Se v’interessa, ecco dove potete scaricare gratuitamente lo spartito del Valzer op. 121 n°1.

Come al solito aggiungo alcuni video per ascoltare e vedere il brano eseguito.

by Wenz

Scarica gratis “Play the Love”
per chitarra classica e orchestra
(spartito e mp3)
 

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share