Lezione di chitarra rock: creare assoli con la pentatonica

Share

Approccio alla chitarra solista, scala pentatonicaScala pentatonica minore di MI in prima posizione

Suonare un assolo di chitarra elettrica significa produrre col proprio strumento una parte musicale che abbia grande evidenza rispetto agli altri strumenti della band, almeno nella maggior parte dei casi. Gli assoli possono essere composti in precedenza, oppure improvvisati dal chitarrista, o anche un insieme tra le due cose, ma sono comunque quasi sempre costituiti da note prese da scale opportune.

La prima cosa da imparare è quindi una scala e fare esercizio con essa per sviluppare la tecnica idonea. La scala che vi propongo in quest’articolo è una delle più utilizzate, quindi troverete la sua diteggiatura in molti riffs ed assoli conosciuti. E’ la scala pentatonica minore di MI in prima posizione.

Innanzi tutto, come dice il nome, la scala è costituita di cinque note: E, G, A, B, D (se non conosci la notazione internazionale leggi qui). Il fatto che siano cinque e non sette come nelle normali scale diatoniche (maggiori e minori) è importante, in quanto si tratta di una scala molto orecchiabile e facile da usare, perchè comprende intervalli molto semplici e melodici.

Suonando in prima posizione ricordiamo che ad ogni dito della mano sinistra corrisponderà il relativo tasto, per cui dovrete suonare gli esercizi usando le dita 1, 2 e 3 rispettivamente sui tasti I, II e III. Ecco la diteggiatura da imparare a memoria:

Diteggiatura della scala minore pentatonica di MI

Per esercitarsi nella tecnica solista per prima cosa suonate la scala a tempo aiutandovi col metronomo, usate la plettrata alternata con la mano destra. Prima molto lentamente, poi gradualmente più veloce.

Esercizio n° 1

Un altro esercizio utile è la sequenza. Si tratta di ripetere un modello melodico muovendolo lungo le note della scala. In questo esercizio abbiamo un modello di tre note che si sposta.

Esercizio n° 2

 

Naturalmente quest’articolo non vuole essere un approfondimento esaustivo alla chitarra solista, ma solo una piccola infarinatura con lo scopo di dare qualche elemento sull’argomento. Per studiare la chitarra con successo consiglio di rivolgersi ad una scuola o insegnante preparato, è sempre la strada più efficace.

by Wenz

 

Articoli consigliati:

Primo esercizio d’improvvisazione – scala di DO

Come scegliere un buon insegnante di chitarra

 

Conosci meglio la chitarra con
“AVVICINARSI ALLA CHITARRA”
e-book con articoli e lezioni
per scoprire lo strumento più diffuso al mondo
scaricalo adesso gratis!

 

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share